Comune di Santo Stefano del Sole Comune di Santo Stefano del Sole paese
  Esplora il sito

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 



  Altre informazioni
· Privacy
· Note legali
· Elenco siti tematici
    Assegno di maternità
 Sei qui: Politiche Sociali Assegno di maternità
Assegno di maternitàRIF. NORMATIVO ( ART. 49- Legge N. 488/99)- (ART.74-75 DLGS N. 151/2011)

COS’E’
E’ un assegno che ogni madre non lavoratrice e residente nel comune di Santo stefano del Sole puo’ chiedere per la nascita del figlio oppure per l’ adozione o l’ affidamento preadottivo di un minore di eta’ non superiore a sei anni ( o ai 18 anni in casi di adozioni o affidamenti internazionali).  La madre lavoratrice  invece,  puo’ richiedere specifico assegno se non ha diritto all’indennita’ di maternita’dell’ inps oppure alla retribuzione per il periodo di maternita’. Se l’ importo dell’ indennita’  o della retribuzione  e’ inferiore all’ importo dell’ assegno , la madre lavoratrice puo’ chiedere al Comune l’assegno in misura ridotta.
L’ assegno spetta per ogni figlio , quindi in caso di parto gemellare  oppure di adozione  o affidamento di piu’ minori, l’importo e’ moltiplicato per il numero dei nati o adottati/affidati.

CASI PARTICOLARI
In alcuni casi particolari  se la madre non puo’ richiedere l’ assegno, (madre minore di eta’, decesso della madre, abbandono del figlio da
parte della madre o affidamento esclusivo al padre) il beneficio puo’ essere richiesto, a seconda dei casi , dal padre del bambino, dal
genitore della madre, dall’ adottante, dall’ affidatario preadottivo o dall’ affidatario non preadottivo.

REQUISITI PER ACCEDERE
L’ assegno puo’ essere richiesto solo dalla madre del bambino/a.
La richiedente deve possedere uno dei seguenti requisiti:
-essere residente nel comune di Santo stefano  del Sole
-essere cittadina di uno dei paesi dell’Unione Europea

 oppure rientrare in almeno  una delle seguenti casistiche da documentare a cura della richiedente:

- essere titolare del permesso di soggiorno CE  per soggiornanti di lungo periodo;
- essere familiare di cittadini dell’Unione Europea o di cittadini stranieri titolari del diritto di soggiorno di lungo periodo o permanente;
- essere titolare di permesso di soggiorno  in qualita’ di rifugiata politica (o superstite di rifugiati politici);
- essere titolare di protezione sussidiaria ;
- essere cittadina/ lavoratrice o familiare/supertstite di cittadino/lavoratore con nazionalità maricchina , tunisina , algerina  o turca ;
- essere titolare del permesso unico per lavoro o con autorizzazione al lavoro o essere familiare di titolare di permesso unico per lavoro o con autorizzazione al lavoro ad eccezione delle categorie escluse dal d.lgs. n. 40/2014;
- aver soggiornato legalmente in almeno due stati membri dell’ Unione Europea o essere familiare o superstite  di persona che ha soggiornato  legalmente in almeno due stati membri dell’ unione europea
- essere apolide o familiare/superstite di apolide.

La richiedente deve inoltre :
- non aver beneficiato di alcun trattamento di maternita’ in misura pari o superiore a quello garantito dal beneficio richiesto (EURO 1.694,45)
- AVERE UN VALORE ISEE del nucleo familiare richiedente inferiore o pari a  euro 16.954,95.
per l’ anno in corso le domande devono essere presentate con attestazione ISEE valide nell’ anno 2016.
A seguito della riforma dell’isee , l’ assegno di maternita’ rientra  tra le prestazioni di sostegno al reddito  rivolte a minorenni, pertanto, in sede  di elaborazione della D.S.U.  e’ necessario richiedere espressamente  un ISEE per prestazioni agevolate rivolte a minorenni.

IMPORTO DELL’ ASSEGNO
L’ assegno per l’ anno 2016 ammonta ad  euro 1.694,45

TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLA domanda
La domanda va fatta  entro 6 mesi  dalla data di nascita del figlio o dall’ ingresso in famiglia del bambino adottato o in affido preadottivo, pena il rigetto della domanda.

DOCUMENTAZIONE
•    Attestato ISE valido, contenente i redditi percepiti dal nucleo familiare di appartenenza nell’anno precedente a quello di  presentazione della domanda di assegno;
•    Un’autocertificazione nella quale l’utente è tenuto a dichiarare sotto la propria responsabilità:
     o    i requisiti richiesti dalla legge per la concessione dell’assegno (residenza, cittadinanza);
     o    di non avere diritto per il periodo di maternità all’indennità di maternità dell’Inps ovvero alla retribuzione;
     o    diversamente, deve essere indicato l’importo di tali trattamenti economici per il calcolo dell’eventuale differenza;
     o    di non avere presentato, per il medesimo figlio, domanda per l’assegno di maternità a carico dello Stato di cui all’art. 75 del D.Lgs.

CHI PAGA
L’assegno è pagato dall’Inps dopo che l’Ufficio Comunale ha trasmesso tutti i dati della madre necessari per il pagamento.

COME E DOVE PRESENTARE LA DOMANDA
La domanda redatta su apposito modulo  va presentata all’Ufficio Protocollo del Comune di residenza.


Allegati:
 
 
indietro
  Cerca nel sito

Inserisci il testo da cercare




PEC
Albo pretorio online
PEC
IBAN
Ufficio Relazioni con il Pubblico

Imu Tasi 2016
PEC



  Area Privata

Nome utente
Password




Registrati ora!!!


  Link utili
· Il meteo
· Irpinia Oggi
· Corriere dell'Irpinia
· Irpinia News


 P. IVA 00281060640Totale Visitatori: 5045    Area Riservata